Chiesa di San Sebastiano a Dorsoduro.

Il martirio di San Sebastiano di Paolo Veronese.
ricerca | mappa
| home
ita | fra | eng | esp
contattaci | copyright

Approfondimenti :: Schede correlate

no schede

Galleria video

No video

Galleria foto

immagine didascalia

Chiesa di San Sebastiano a Dorsoduro.


immagine didascalia

Il martirio di San Sebastiano di Paolo Veronese.


San Sebastiano

Chiesa sita in Campo San Sebastiano, da cui prende il nome, fu ricostruita nel ‘500 su committenza dei Gerolamini , in un semplice ed elegante stile rinascimentale . Il progetto della nuova chiesa parrebbe essere del milanese Antonio Abbondi, detto Scarpagnino, uno fra i più illuminati architetti del primo ‘500. L’interno della chiesa è considerato tra i più interessanti e armoniosi di tutta Venezia, grazie anche alle decorazioni perlopiù affidate ad artisti veronesi. Nel 1555 un giovane pittore, Paolo Caliari, divenuto poi celebre come “il Veronese”, fu chiamato a dipingere e decorare l’intera S. Sebastiano. I dipinti, tipici del suo stile, sono ricchi e pieni di luce, con colori e costumi sontuosi: ragguardevoli sono le Scene della vita di Ester, la leggendaria regina persiana, e il San Sebastiano martirizzato a bastonate.
Le spoglie dell’artista sono conservate nella tomba che si può ammirare all’interno.


1500  -   DORSODURO - rev. 0.1.14

[-A] [+A]

Venezia e le sue lagune

patrimonio dell'umanità: dialogo di culture, quale futuro?

crediti | help